LEGGI, MAMMA, LEGGI!

Tante e tante ne divora…

Posted on: 7 ottobre 2012

Image

Illustrazione di Gustave Doré

La novella dimostra chiaramente:
Che i fanciulli – e in ispecie le bambine,
Belle , vispe e carine –
Hanno torto a dar retta a ogni sorta di gente.
Così accade tuttora
Che il lupo tante e tante ne divora! …
State attente, ragazze …
Ci son dei lupi di tutte le razze! …
Ne conosco di quelli così discreti,
Docili, compiacenti, mansueti,
Che senza esprimer nulla;
Sperando pur di farla persuasa;
Dando la caccia a una bella fanciulla.
In piazza, alla finestra, in chiesa, in casa
E perfin nella camera da letto …
In lor non si riscontra alcun difetto;
Garbati in vista, onesti e graziosi ….
Son quelli i lupi più pericolosi! …

Perrault C., Il libro delle fate, disegni di Gustave Doré.

Cappuccetto Rosso: una delle fiabe più inquietanti per noi mamme di bimbe “belle, vispe e carine”.

Mi sono sempre chiesta se la mamma di Cappuccetto non avesse cucito apposta la mantella rossa alla sua bimba allo scopo di proteggerla dallo sguardo avido del Lupo cattivo così che non si potesse rendere conto della bellezza tutta da “spolpare” della sua creatura.

Quando racconto questa fiaba ad Antea enfatizzo la cattiveria del lupo, non intendo affatto riabilitarlo ai suoi occhi perché deve averne paura, deve diffidare del lupo, proprio come scrive Perrault. Mi piace molto la versione dei fratelli Grimm della stessa fiaba perché in questa versione Cappuccetto e la nonna si mettono d’accordo per annegare l’ingannevole belva. E adoro quella dell’umorista americano James Thurber (che risale a circa mezzo secolo fa) che immagina una Cappuccetto Rosso astuta e coraggiosa, alla Kill Bill, molto Tarantinesca:

Ma non s’era avvicinata più di tre metri al letto e già s’accorgeva che non si trattava della nonna, bensì del lupo; giacché un lupo, anche se si mette il berretto da notte, non assomiglia a una nonna più di quanto il leone dei film della Metro Goldwyn assomigli al Presidente della Repubblica.
Allora la fanciulla trasse una pistola automatica dal cestello e freddò il lupo.

MORALE

Darla ad intendere a una fanciulla,
come si faceva una volta,
non è cosa facile al giorno d’oggi.

(Thurber J., La notte degli spiriti e altri racconti, Corbaccio)Image

Illustrazione di Wendy D. Stolyarov.

Ma la Cappuccetto Rosso numero 1 è, per me, quella immaginata da Roald Dahl in Versi Perversi (Salani), che non si accontenta di sparare al lupo ma (e qui non me ne vogliano gli animalisti perché stiamo giocando) dopo aver gettato alle ortiche la stupida mantellina rossa si confeziona una bella e calda pelliccia di…. lupo 🙂

Image

Illustrazione di Quentin Blake.

Annunci

2 Risposte to "Tante e tante ne divora…"

Non dimentichiamo “Cappuccetto rosso a Manhattan” 🙂 un libro davvero adorabile.

Approfondirò:adoro le rivisitazioni dei classici in chiave moderna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere notifiche riguardo i post

Categorie

Avvertenze sui contenuti:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: