LEGGI, MAMMA, LEGGI!

La luce sotto la pelle

Posted on: 19 settembre 2012

At four I was an Arabian wizard.
I could make myself invisible
by drinking a glass of milk a certain way.
At seven I was a soldier, at nine a prince.
[….]
It seems only yesterday I used to believe
there was nothing under my skin but light.
If you cut me I could shine.

But now when I fall upon the sidewalks of life,
I skin my knees. I bleed.

 

A quattro anni ero uno stregone Arabo.

Potevo diventare invisibile

bevendo un bicchiere di latte  in un certo modo.

A sette ero un soldato, a nove un principe.

[….]

Mi sembra appena ieri che credevo

che sotto la mia pelle non ci fosse che luce.

Se mi tagliavi avrei potuto risplendere.

Ma ora, quando cado dai marciapiedi della vita,

mi sbuccio le ginocchia. E sanguino.

 

Da “On Turning Ten” di  Billy Collins. Traduzione mia. Testo originale tratto da Sailing Around the Room: New and Selected Poems.

 

Ad Antea, che oggi mi ha detto che se le bacio le ginocchia sbucciate non sanguinano più.

E perché sotto la sua pelle ho intravisto veramente la luce….

Annunci

2 Risposte to "La luce sotto la pelle"

Ma che meraviglia, che bella poesia l’estratto riportato e l’attimo di una mamma e la sua bimba. Bellissimo!

E’ una poesia che amo. Ti abbraccio Viviana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere notifiche riguardo i post

Categorie

Avvertenze sui contenuti:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: