LEGGI, MAMMA, LEGGI!

Il pulcino ballerino e le mamme coraggio

Posted on: 30 aprile 2012

Sembrava triste
perciò la mamma chioccia
per consolarlo
l’hully gully gli insegnò

Può accadere, quando aspetti un figlio, di ripetere ogni tanto, mentalmente, come un mantra: “Fa che sia sano, fa che sia sano”. Io, per lo meno, me lo sono detta per tutti i nove mesi di entrambe le gravidanze. Forse perché ho deciso tardi di diventare mamma o perché ho lavorato un anno come insegnante di sostegno, ma non ho mai considerato la salute di un figlio come qualcosa di scontato. Nell’ultimo post parlavo di etichette che vengono affibbiate alle mamme, una molto abusata è quella di “mamma coraggio”: mi ha fatto sempre venire in mente l’immagine della leonessa che difende i suoi cuccioli ruggendo minacciosa. Ma a volte il coraggio materno ha modi molto meno eclatanti di palesarsi. La storia del <<pulcino ballerino>> mi fa piangere come una scema

E’ sempre stata  una delle mie canzoni preferite dello Zecchino d’Oro e piace tanto anche ad Antea: non ho esitato a prenderlo quando ho visto che è uscita la versione nella collana degli Indistruttilibri della Gallucci. Mi fa tanta tenerezza pensare a questo pulcino nato zoppo al quale la mamma insegna a ballare così bene che  il papà, scoppiando di gioia, gli organizza una festa nel pollaio per farlo esibire nell’hully gully. Per associazione di idee pensavo al pulcino ballerino mentre leggevo “Dream runner. In corsa per un  sogno” di Oscar Pistorius

In questo libro il famoso atleta sudafricano parla della sua vita: le pagine più  belle sono quelle dedicate ai ricordi dell’infanzia (serena e felice malgrado l’handicap) e alla figura della mamma (che gli diceva “prendi le gambe: usciamo”), persa troppo presto. Oscar racconta delle preziose lezioni di vita  materne, della sua ironia, della forza che gli ha trasmesso, dell’importanza che essa dava alle relazioni umane e alla spiritualità. E, in particolare, ricorda:

“Chi perde davvero non è chi arriva ultimo nella gara. Chi perde davvero è chi resta seduto a guardare, e non prova nemmeno a correre” mi ha scritto mia madre in una lettera da leggere quando fossi diventato grande.

La sua storia atletica è nota a tutti. Ma forse non tutti l’hanno visto ballare  in una famosa trasmissione televisiva. Di certo la sua mamma, da qualche parte, avrà sorriso vedendo che il suo pulcino non solo si è messo a correre, ma è diventato anche un bravissimo ballerino…

Annunci

3 Risposte to "Il pulcino ballerino e le mamme coraggio"

Come già capitato in altre occasioni, mi sento molto vicina al tuo modo di vedere e di sentire: credo che cercherò la publicazione del Pulcino Ballerino (è della serie degli Indistruttibili, vero? Io di quella ho già diverse pubblicazioni, tutte belle!) per commuovermi un po’.
Un abbraccio forte
Grazia

il pulcino ballerino mi fa pensare anche un po a noi…mi sento quella mamma chioccia che va oltre all’handicap del suo pulcino, che fa di tutto x farlo vivere nella normalità, insegnando il ballo nonostante il pulcino sia zoppo.. Un abbraccio

E’ esattamente questo il modo in cui ho inteso anche io la canzone: noi mamme siamo delle chiocce-leonesse 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere notifiche riguardo i post

Categorie

Avvertenze sui contenuti:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: