LEGGI, MAMMA, LEGGI!

Ti massaggio una filastrocca

Posted on: 23 marzo 2012

Con la nascita del mio secondo figlio ho deciso di provare l’esperienza meravigliosa del massaggio neonatale. Quando Francesco Lucio ha compiuto 4 mesi abbiamo inziato a frequentare un corso gratuito organizzato dalla ASL della mia città: in tutto sei incontri con una brava terapista pediatrica, membro dell’ IAIM (International Association of Infant Massage), che mi hanno permesso di apprendere le basi di questo scambio d’amore puro che è il massaggio infantile. Il libro su cui il corso era strutturato è il bellissimo MASSAGGIO AL BAMBINO, MESSAGGIO D’AMORE Manuale pratico di massaggio infantile per genitori di Vimala McClure


I benefici per il bimbo , sia fisici che psicologici, derivanti dall’antica tradizione del massaggio, sono innumerevoli e ampiamente documentati: massaggiarlo è un pò come leggergli un libro, un atto d’amore profondo e appagante, prezioso per la sua salute e la sua felicità futura.

Dedicare ad un bambino tempo e cure  attraverso il massaggio, è un modo per entrare in comunicazione col suo corpo e col suo cuore aiutandolo a sentirsi accettato e a trovare un suo posto nel mondo.

Quella del massaggio è una pratica che può arricchire e cementare il rapporto genitori figli anche quando il bambino è cresciuto (penso ai miei alunni adolescenti spesso in lotta con la famiglia e l’autorità genitoriale, da loro mal tollerata) e può essere un valido strumento per allontanare le gelosie tra fratello e sorella rendendo il loro legame più saldo: massaggiando Francesco Lucio, Antea ha imparato a volergli ancora più bene, ha preso confidenza col corpo del fratello e ha capito come toccarlo rispettandolo, senza fargli male ma, al contrario, arrecandogli benessere e gioia (e per una bimba di 4 anni che vede il proprio fratellino come un bambolotto questo è importante).


Il massaggio è un contatto epidermico, che avviene attraverso l’organo di senso della pelle. Tuttavia l’esperienza per il bambino è ancora più soddisfacente e completa se si accompagna a una dolce filastrocca, cantata o sussurrrata . Ho trovato davvero delizioso Ti massaggio una filastrocca, di Mara Dal Ferro (illustrazioni di Lorenza Troian), reperibile anche nei negozi della catena Prenatal.


Questo libro è consigliato soprattutto se si massaggiano bambini più grandi (dai 2 anni), in grado di apprezzare pienamente le illustrazioni che lo corredano e le storielle che le filastrocche raccontano. Le filastrocche sono sette come le sequenze del massaggio relative alle varie parti del corpo, così come indicate da Vimala Mc Clure (più una filastrocca finale per gli esercizi). La prima rima di ogni filastrocca serve ad entrare in contatto con la parte del corpo del bimbo da massaggiare, quindi non prevede manipolazione . Ad ogni movimento di massaggio corrisponde una rima. Per darvi un esempio ecco una serie di foto che rappresentano la sequenza “massaggio viso”: clikkando sulla foto avrete il titolo che descrive il movimento da eseguire, sotto ogni collage di immagini trovate le parole della filastrocca da canticchiare per accompagnare il movimento rappresentato. Per massaggiare adoperate solo oli bio naturali al 100% (ottimo quello di mandorle dolci).

Il mio bimbo ha un bel visetto,

io lo tengo stretto stretto

La tua fronte è un prato in fiore

ci passeggio a tutte le ore 

Due laghetti i tuoi occhioni

dicon tutte le emozioni

Il nasino è come un monte

da cui guardo l’orizzonte.

La tua bocca sorridente

rende tutto divertente

Guanciotte morbide come due colline

si godono il sole e le stelline

E per finire… dalle orecchie al mento

una lunga carezza come fosse il vento…

 

Annunci

21 Risposte to "Ti massaggio una filastrocca"

Ma che bella ASL hai tu? Questa filastrocca è deliziosa.Mia figlia adesso che ha quasi tre anni non si fa massaggiare volentieri perché vuole subito prendere il comando lei…quindi dovrebbe essere lei a leggermi questo libro mentre mi massaggia 🙂 – Graziana

Che tipina la piccola! Mi sa che anche lei ha bisogno di un fratellino da massaggiare e spupazzare…

Ma quanto è bello sto ciccino, e come si fa fare tutto. Nn vedo l’ora di spupazzarmelo un po’. Ma questi massaggi riguardano solo il viso, o ce ne sono anche per le altre parti del corpo?

Riguardano tutto il corpo. Credo che anche Leo e Lorenzo gradirebbero 🙂

Ciao, sono Alessandra e da Graziana (Stanzetta Inglese) sono arrivata qui.

Che ricordi il libro di Vimala McClure ! anche alla Asl dove vivo organizzano dei bellissimi corsi di massaggio di cui ho “approfittato” con tutti e due i bambini. Ho ancora le foto. Ah che ricordi……

Spero che sempre più mamme possano avere la possibilità di frequentare questi corsi, è un modo naturale di mantenere il contatto con i bimbi.

Cara Alessandra, hai ragione: sono ricordi dolcissimi che ci legano ancora di più ai nostri figli. Conoscevi il libro “ti massaggio una filastrocca”? Sto dando un’occhiata al tuo blog, bello e divertente, passerò spesso a “trovarti”. Un abbraccio. Emma

no Emma non conosco questo secondo libro, credo che l’avrei usato molto volentieri! il mio blog ultimamente non e’ aggiornato, il lavoro (ahime’) mi sta ‘prosciugando’. e’ un po’ disordinato ma l’ho iniziato per annotare letture e momenti di creativita’ con i miei bambini cosi’ da fissare i ricordi.
anche il tuo blog e’ molto interessante, ne approfittero’ per spunti di lettura. alessandra

Un’esperienza che ho avuto il dono di far provare alla mia unica figlia!

Hai ragione,Palmy, è un dono. Sto leggendo il tuo blog, quanto è vera l’intestazione lasciarsi educare dalla realtà…è quello che ripeto sempre ai miei alunni ma con altre parole:che là fuori, nel mondo, c’è un’altra aula , diciamo più o meno la stessa cosa, non trovi? Facciamo lo stesso mestiere e credo non sia l’unica cosa che ci accomuna. Emma

Quanti ricordi!! Io e il mio Piccolo Furfanete abbiamo seguito anche noi un corso di massaggio infantile. Lui aveva 4 mesi e io ero una mamma inseperta. Ci siamo divertiti un sacco e ci è stato molto utile sia per conoscerci, per rilassarci ma soprattutto per aiutarlo con le coliche. Insomma un’esperienza davvero bella…

Ciao Paola! In effetti i benefici anticolica del massaggio sono una manina santa. Con questo post volevo anche riflettere sui finger rhymes, le rime che hanno come tema il corpo del bambino, così importanti ai fini della relazione fisica coi nostri figli e della scoperta del proprio io come qualcosa di diverso da quello della mamma, anche se indissolubilmente legato ad esso. Credo che indicherò altri testi dello stesso tipo. Ancora complimenti per l’iniziativa del poststorming sul tuo blog, alla quale sono contentissima di aver partecipato! Sono attratta anche dai venerdì del libro, ma essendo questo un blog già sui libri, finirei col ripetermi.Tuttavia, essendo la tua iniziativa ispirata alla completa libertà (anche sul target), pensavo di partecipare coi libri che consiglio a scuola ai miei alunni teenager, così da differenziare il post del venerdì da quelli del resto del blog, che ne dici? Emma

Ciao! Ho scoperto il tuo blog perchè cercavo qualcosa sul massaggio infantile per bambini un po’ più grandcellii.Mio figlio ha 4 anni, viene dalla Russia, ed è con noi da 2 mesi. Mi piacerebbe massaggiarlo per favorire il legame di attaccamento. Mi sai dire se il libro “Massaggio al bambino” contiene indicazioni per bambini grandicelli? “Ti massaggio una filastrocca” mi pare proprio di si, perchè mentre si massaggia il piccolo si gioca insieme a lui.. E poi a mio figlio piacciono tanto canzoncine e filastrocche, in questo modo sta già imparando l’italiano. Grazie di cuore e un bacino ai tuoi bambini Barbara

c’è un capitolo nel libro intitolato “il massaggio al bimbo che cresce” nel quale si sottolinea la validità del “tocco buono” anche per bambini grandi, al fine di aumentare la confidenza e la dimestichezza col proprio corpo durante la crescita , nel tuo caso trovo che il massaggio con filastrocca sia un ottimo canale di comunicazione tattile e linguistica. Auguri di cuore. Emma

scusa emma se m’inserisco qui ma ho letto il commento di barbara e mi sono ricordata che nel primo libro che hai citato “massaggio al bambino”, c’e’ proprio un capitolo dedicato ai bimbi adottati o in affido. non posso verificare con certezza perche’ il libro ora l’ha mia sorella ma e’ un ricordo chiaro.
auguri barbara!
alessandra

Ciao Emma e ciao Alessandra. Grazie delle vostre preziose informazioni. Comprerò senz’altro entrambi i libri. Vi saprò dire l’effetto sul mio bimbo. Lui ama molto il contatto fisico, stiamo facendo grandi passi nel creare l’attaccamento… ma abbiamo ancora tanta strada da fare. Un abbraccio fortissimo ♥

Allora, ho acquistato entrambi i libri. Trovo che uno sia il complemento dell’altro, perchè in ” Ti massaggio una filastrocca”, che aiuta a rende giocoso il massaggio ad un bambino grandicello, non c’è alcuna spiegazione dei movimenti, che invece si trova nel libro ” massaggio al bambino”. Però, non so se sono io un po’ tonta, non avendo esperienza di massaggio, anche leggendo quest’ultimo libro non sempre capisco bene come fare il movimento. Secondo la vostra esperienza, è indispensabile fare un corso? Grazie mille ♥

Barbara, nel libro ci sono le foto, però certo il corso è utile. Mi sembra di ricordare che erano in vendita anche dei dvd per le varie manovre che, una volta memorizzate , sono davvero semplici. Certo, il libro delle filastrocche senza quello generale teorico non serve a nulla. Un bacio. PS: di dove sei? Io ho imparato ad un corso gratuito post partum organizzato dalla ASL della mia città, Caserta. Potresti provare a vedere se ne organizzano di simili dalle tue parti

Grazie Emma! Io sono di La Spezia. Hai ragione, ci sono le foto, ma io per esempio capisco poco ( mi riferisco alla prima sequenza,, quella piedi e gambe- volevo memorizzare questa prima di passare alla sucessiva) la differenza fra massaggio indiano e massaggio svedese. Il primo è centrifugo, il secondo centripeto.Qundi il primo dall’interno verso il centro e viceversa per il secondo, se capisco bene. Ma non sono sicura dei movimenti. Proverò a farlo.Forse la cosa importante è il tocco, e l’amore che si mette nel farlo. Magari la tecnica viene in secondo piano. Però proverò a vedere se fanno corsi dalle mie parti ( ma ne dubito) o se si trova il dvd. Grazie, un bacio

Barbara, al corso ci dicevano proprio questo: che la tecnica conta poco e che il tocco, d’amore, è invece l’ingrediente fondamentale. E quello c’è già di certo per il tuo bimbo venuto dalle steppe 😉 Un abbraccio. Ps: peccato che non sei di qui, ti avrei invitato a casa per mostrarti tutta la sequenza. cerca anche su youtube

scusate se m’intrometto ancora 😦 ….. ma ho un ricordo piacevolissimo del massaggio infantile che vorrei proprio tutti potessero goderne!
Ha ragione Emma: il tocco è l’ingrediente necessario. In particolare per un bimbo di 4 anni che deve scoprire l’attaccamento, credo proprio la vicinanza, il toccarsi siano veramente fondamentali. Se al tocco aggiungi la lettura di filastrocche direi stai già facendo tanto.
Anchio, come Emma, ho fatto il corso gratutito presso l’ASL. Puoi sentire lì, altrimenti mi avevano parlato di AIMI (associazione italiana massaggio infantile) dove molte “massaggiatrici” hanno fatto il corso. Hanno anche un sito,

alessandra

Di nuovo grazie ad entrambe!!!
Emma, è davvero un peccato, mi sarebbe piaciuto conoscerti, se fossimo state più vicine. Sei stata davvero carina con la tua offerta di aiuto, anche se, ovviamente, non ci sarà possibile vederci.
Ho già dato un’occhiata, ma DVD in vendita non ne ho trovati, guarderò su Youtube, come mi consigli. In ogni caso, se sia tu che Alessandra, mi dite che alla fine la cosa importante è trasmettere affetto e calore al proprio figlio, non mi preoccuperò più di tanto.
Alessandra, grazie anche a te. Ho contattato un’insegnante di AIMI della mia zona ( ho trovato un volantino, lei sul sito non risulta) ma fa solo massaggio ai piccoli, ha detto che x i grandi non è abilitata, che il massaggio è diverso e che le toglierebbero l’abilitazione se lei insegnasse qualcosa per cui non è abilitata. Mi ha detto che si sarebbe informata se risulta in zona qualche insegnante che può trasmettere la tecnica da utilizzare con i più grandini. Vedrò se mi contatta. Sinceramente, presumendo che sia abbastanza oneroso, fare quello per piccoli non mi conviene. Anche in base alle vostre indicazioni, mi lascerò trasportare dall’amore e dall’istinto, cercando di capire un po’ la tecnica dal libro di Vimala e poi… via di filastocche e di coccole!!!! Grazie di tutto. Un bacino ai vostri tesori ♥

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere notifiche riguardo i post

Categorie

Avvertenze sui contenuti:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: